Abbigliamento protettivo

Scopri la nostra selezione di Trivalente Quadrivalente Pentavalente Esavalente Ignifugo e saldatura Forestale Antifreddo Antistatico Antiacido Antimpigliamento Squadre di emergenza e molto altro.

Abbigliamento protettivo multinorma ignifugo, per saldatori, forestale, e per squadre di emergenza: per una protezione completa da rischi diversi

L'abbigliamento protettivo multinorma è una categoria di abbigliamento antinfortunistico certificato per molteplici rischi presenti negli ambienti di lavoro: per esempio, chi lavora in ambito petrolchimico potrebbe aver bisogno di abbigliamento protettivo contro sversamento di sostanze acide o vapori tossici, calore estremo e contemporaneamente che non generi scariche di elettricità statica potenzialmente pericolose a contatto con sostanze infiammabili. Per questo, viene in aiuto la gamma di abbigliamento multiprotezione certificato: che tu lavori in ambito forestale, a contatto con motosega o strumenti da taglio boschivo, nell'industria chimica o nell'antincendio, in questa sezione troverai la gamma completa di abbigliamento di protezione multirischio o per tipologie di rischi specifici, tipici di determinate professioni ad alto rischio: abbigliamento forestale, abbigliamento motosega, antimpigliamento, antiacido, abbigliamento ignifugo e antistatico.
Come suggerisce il nome, i capi di abbigliamento di protezione multinorma, hanno da 2 a 6 certificazioni in un'unico indumento: per questo motivo, in base al numero di certifcazioni associate, troverai abbigliamento trivalente, quadrivalente, ecc. fino all'abbigliamento pentavalente ed esavalente. Inoltre, mettiamo a disposizione capi di protezione specifici per determinati rischi, con le specifiche certificazioni: dalla tuta ignifuga, l'abbigliamento protettivo arco elettrico e i manicotti per saldatura, ai pantaloni antitaglio per chi lavora a contatto con la motosega, e la divisa protezione civile e per vigili del fuoco e soccorritori.
Per approfondire le certificazioni e le caratteristiche dei capi di abbigliamento antinfortunistico multiprotezione specifici, prosegui la lettura a fondo pagina. 






Abbigliamento da lavoro multinorma: certificazioni e tipologie di protezione

Nella categoria di abbigliamento da lavoro multinorma rientrano tutti quei capi di abbigliamento antinfortunistico a cui sono associate differenti normative specifiche di rischi professionali ben precisi e individuati. Tali certificazioni coesistono nello stesso indumento senza entrarvi in conflitto, poichè la natura dei rischi per cui sono progettati ha caratteristiche simili. Ad esempio, nel caso dell'abbigliamento protettivo ignifugo,antistatico e per arco elettrico, studiato apposta per i lavori di saldatura, è necessario che il lavoratore indossi una tuta protettiva che allo stesso tempo respinga fiamme e calore, e inibisca eventuali scariche elettrostatiche che potrebbero causare incendi.
 
Nello specifico, le certificazioni normative riguardano: indumenti di protezione contro agenti chimici liquidi, per la dissipazione di cariche elettrostatiche, per la protezione da arco elettrico, per gli indumenti ignifughi con propagazione di fiamma limitate e per l'abbigliamento di protezione antitaglio.
A seconda del numero di certificazioni presenti in ciascun capo di abbigliamento, bisognerà distinguere tra abbigliamento trivalente (ad esempio ignifugo, antistatico e antiacido), abbigliamento quadrivalente, pentavalente e esavalente. Alcune tipologie di indumenti invece sono invece indicate per un'unica tipologia di protezione con la relativa certifcazione associata: è il caso ad esempio, dell'abbigliamento ignifugo, antiacido, antimpigliamento e antistatico, a cui a ciascun indumento è associata esclusivamente la certificazione per quel tipo di protezione.
 
Una categoria a parte è invece quella dedicata all'abbigliamento di protezione per le squadre di emergenza e soccorritori, in cui vi rientrano le divise per soccorritori 118, gli indumenti antincendio e le divise protezione civile e vigili del fuoco. Si tratta di categorie professionali ad alto rischio, per cui alcuni capi protettivi hanno certificazioni specifiche, oltre a quelle sopra descritte: è il caso ad esempio degli indumenti di protezione per vigili del fuoco.
 
Vediamo nel dettaglio le principali normative riguardanti i capi di abbigliamento protettivo:
  • EN 13034:2009: requisiti di prestazione per indumenti di tipo 6 e tipo PB6 di protezione limitata contro agenti chimici liquidi: schizzi lievi, aerosol liquidi leggeri o a bassa pressione. E' la certificazione dell'abbigliamento antiacido.
  • EN ISO 14116:2015: requisiti minimi per indumenti ignifughi a propagazione di fiamma limitata e a contatto breve e accidentale con fiamme di lieve entità.
  • EN 1149-5:2018: requisiti prestazionali di tessuti e materiali di indumenti di protezione antistatica, atti a dissipare cariche elettrostatiche pericolose che possono innescare incendi.
  • EN IEC 61482: requisiti e metodi di prova per abbigliamento protettivo da arco elettrico: si riferisce al vestiario di protezione per i lavoratori esposti a ustioni da fiamme, calore, e radiazioni da arco elettrico.
  • EN 11611: requisiti minimi di sicurezza e metodi di test per capi di abbigliamento per saldatura.
  • EN 11612 : requisiti di prestazione per abbigliamento anticalore e antifiamma in operazioni di lotta antincendio e salvataggio in ambienti a calore estremo radiante
  • EN 343 : 2019: requisiti e metodi di test di materiali e cuciture per abbigliamento di protezione antipioggia e contro gli effetti dell'umidità.
  • EN 510:1994: è la certificazione relativa alla linea di abbigliamento antimpigliamento: contiene specifiche per indumenti di protezione da utilizzare in presenza di rischio impigliamento con parti in movimento.